La tecnica Pomodoro per migliorare la produttività

pomodoro

Ti sei mai chiesto se esiste un metodo efficace per migliorare la tua produttività e arrivare a completare tutti gli obiettivi che ti sei prefissato per la giornata? Esiste e si chiama Tecnica Pomodoro.

La tecnica Pomodoro ti aiuta a fare proprio questo: portare a termine più obiettivi durante la giornata, adottando un metodo sistematico ed efficace.

Fu inventata negli anno ’80 dall’allora studente Francesco Cirillo e si tratta di una di una semplice strategia che ti può aiutare a gestire meglio il tuo tempo e la tua capacità di concentrazione. L’unica cosa che devi fare è imparare a rivedere la tua idea di tempo in modo da essere più consapevole delle tue capacità.

Il processo è piuttosto semplice: per ogni attività che svolgi durante la giornata, gestisci il tuo tempo in piccoli blocchi e prenditi periodicamente delle pause. Nello specifico la tecnica suggerisce di lavorare per 25 minuti e poi prendere 5 minuti di pausa.

Questa tecnica prende il suo nome dall’oggetto che sta alla base di questo metodo: un timer da cucina che deve essere calibrato per suonare ogni 25 minuti (Francesco Cirillo usava un timer a forma di pomodoro).

In sostanza ogni volta che finisci un “pomodoro” (ovvero un lasso di tempo di 25 minuti) fai una pausa di 5 minuti. Sarebbe utile anche segnare i tuoi progressi con una X e segnare il numero di volte che ti viene l’impulso di procrastinare o di cambiare attività prima del raggiungimento del tuo obiettivo.

Per imparare davvero a padroneggiare la tecnica però, è necessario seguire 6 step fondamentali.

1. Cerca di capire quanto sforzo ti richiede un’attività

Che si tratti di una task lavorativa, o dello studio di un certo numero giornaliero di pagine per riuscire a passare un esame, cerca di capire effettivamente il livello di sforzo richiesto da quella particolare attività.

In che modo puoi farlo? Devi capire di quanti “pomodori” (step da 25 minuti) hai bisogno per completare uno specifico obiettivo. Puoi cronometrarti se si tratta di un lavoro di routine, con il tempo riuscirai a stimare il tempo necessario per completare qualsiasi obiettivo.

2. Proteggi il tuo pomodoro

Tieni lontano dal tuo lavoro qualunque tipo di distrazione che possa distoglierti dal compimento del tuo obiettivo.

Per quei 25 minuti non deve esistere nulla in grado di frapporsi fra te e il tuo lavoro. Chiudi facebook, spegni il cellulare e dimentica gli spuntini.

3. Individua il tempo impiegato per le future attività

Sperimentando la tecnica sui tuoi obiettivi, riuscirai a  capire quanto tempo ti ci è voluto a portare a termine alcune attività. Dovrai allora cominciare a prevedere il tempo necessario a completare i lavori futuri. L’unità di misura ovviamente è sempre la stessa: il pomodoro!

4. Lavora, ricapitola, rivedi

Ricordati che il tuo pomodoro da 25 minuti deve essere utilizzato non solo per compiere la tua attività, ma in quei 25 minuti devi avere anche il tempo di ricapitolare, di rivedere e di correggere se necessario i progressi fatti.

5. Linea del tempo

Organizza una linea del tempo in cui inserire le attività da fare durante la giornata e associale alla quantità di “pomodori” che queste ti occupano. A questa aggiungi i momenti della giornata in cui intendi portare a termine quelle attività. Ad esempio  5 pomodori al mattino, 4 al pomeriggio e  2 alla sera.

Questo metodo è molto utile per organizzare il tuo lavoro e per gestire meglio il tuo tempo libero

6. Trova il tuo obiettivo personale

Ogni giorno, una volta portate a termine tutte le attività stabilite, trovati un obiettivo personale da raggiungere. Ad esempio puoi porti l’obiettivo di essere più efficiente o di migliorare la qualità del tuo lavoro.

Ricorda, tu devi scegliere il tuo obiettivo finale!

Ultima cosa, se vuoi davvero raggiungere il massimo risultato, gli obiettivi devono essere completati in modo sistematico. In altre parole, se non hai completato un obiettivo, non passare al successivo, ma persevera sullo stesso lavoro fino a che non riuscirai a completarlo.

 

Leggi di più su pomodorotechnique.com

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Potrebbero interessarti anche...